Linee guida su conferimento incarichi!

thumbs_AN1354

Si è tenuto ieri un incontro tra le Organizzazioni Sindacali e l’Amministrazione con numerosi ed importanti punti all’ordine del giorno.

Per quanto riguarda le Linee Guida sugli incarichi di revisione e sindacali, il dubbio subito sollevato riguardava il margine di intervento sui contenuti della Circolare in esame in considerazione del fatto che la stessa “pare” già attuata in molti dei suoi punti prima ancora della sua ufficializzazione.

Entrando nel merito, la Nostra Organizzazione Sindacale ha rappresentato al tavolo come non piaccia che ad un dipendente del MEF comandato out o fuori ruolo possa essere corrisposto un incarico retribuito di Revisore mentre ad un collega che, per vari motivi, abbia un rapporto di lavoro a part-time al 50% lo stesso incarico venga negato. Riassumendo: chi svolge l’attività lavorativa al 100% per un’altra Amministrazione può avere fino a tre incarichi per conto e pagati dal MEF, chi lavora per il MEF al 50% non può avere alcun incarico.

Altra stortura, che dovrebbe farvi riflettere (da noi e solo da noi posta al tavolo ed alla quale abbiamo ricevuto come risposta: “la casistica non è stata presa in esame”), è che questa “restrizione” non si applica al distacco per mandato sindacale full-time o al 50%: quindi, chi è in regime di part-time al 50% o superiore non può vedersi conferire alcun incarico a meno che non si tratti di un dirigente sindacale.

Ricordiamo, a Noi in primis, che questi incarichi, oltre ad essere ben retribuiti, hanno ripercussioni anche sulla valutazione delle Performance e su tutto ciò che ne consegue, quindi è necessaria la massima equità e la massima trasparenza.

Chiudiamo, per ora, la disamina su questo argomento valutando l’art. 6 della Circolare sui limiti dei tre incarichi assegnabili.

Ci faremo molti nemici, tra gli stessi, ma tant’è, diciamo subito che secondo Noi i Dirigenti non dovrebbero avere alcun incarico, anche in virtù delle giuste e continue lamentele da parte degli stessi Dirigenti sui propri carichi di lavoro, sulle notevoli (in quantità e qualità) responsabilità di cui sono investiti, sul poco personale a disposizione, ecc. ecc.

Proprio per questo, riteniamo che non dovrebbero essere “distratti” da altro; e poi, scusateci, ma il collega in part-time al 50% no e chi non ha neanche l’obbligo del completamento dell’orario di lavoro (basta una semplice timbratura) si?!

L’aver posto tale limite, anche in considerazione della sperequazione diffusa, nell’assegnazione di tali incarichi (chi nulla e chi 5, 6 o più), è in ogni caso un buon inizio.

Ultimissima annotazione, è stato fatto presente all’Amministrazione che sarebbe opportuno che le indicazioni da seguire sul conferimento degli incarichi siano fatti propri anche dagli altri Dipartimenti; pare che ci si stia, in qualche modo, lavorando ma la fattibilità dipende, giustamente, anche dalla volontà altrui.

  

Antonella Viscomi                                           Walter Marusic

Coordinatore Nazionale MEF                     Segretario di Roma e Lazio

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: