RTS di Catanzaro e Crotone, e i nervi tesi della UIL locale!

1175138_611024145608162_60702070_n

Non c’è che dire, i rappresentanti locali della UIL sanno usare bene le parole! Peccato che lo facciano in maniera alquanto confusa, ma non si può pretendere tutto dalla vita.

Innanzitutto li ringraziamo per averci informati dell’esistenza di norme contrattuali che  obbligano/invitano  a prendere atto dei comunicati di altre Sigle Sindacali.

E Noi che le leggiamo per curiosità…. ma come si dice: “la vecchia non voleva mai morire”.

Altra informazione che riceviamo dai suddetti rappresentanti locali, e di cui faremo tesoro, è che sono diventati, o lo sono sempre stati, i portavoce della CISL e della CGIL, considerato che nella nostra nota dello scorso 21/01/2014, non abbiamo MAI nominato la UIL locale.

Perché rispondano Loro e con tanta protervia è di difficile comprensione visto che il destinatario delle Nostre osservazioni era il Direttore della RTS; ah forse è questo il punto! Ma no dai non ci crediamo! Anche perché ci riferiscono che Loro “conferiscono ampia rilevanza, alle problematiche di più ampio e generale interesse” mentre l’oggetto della questione riguarda un limitato numero di persone….

E mica si può perdere tempo verso i problemi di pochi! Suvvia almeno il 70-80% dei lavoratori o un Direttore!!!!

Altra informazione che  riceviamo è come le suddette norme contrattuali prevedano che le note sindacali vadano sì lette, ma nulla dicono circa la necessità di capirle; infatti nella nostra nota non vengono mica riportate le problematiche dei colleghi, ma che scherziamo??!!

Forse era più importante riportare il numero dei colleghi interessati e magari indicare il loro nome, cognome nonché codice fiscale.

Strana coincidenza…. anche il Direttore ci aveva formulato la stessa richiesta……

Pensate, a causa delle “norme contrattuali” troppo vaghe, hanno letto che le difficoltà nei rapporti interpersonali fossero tra i portatori di funzioni, non con il Direttore!!

“Portatori di Funzioni”: ci piace!

 Continuando la lettura anche Noi, a “norma di legge”, apprendiamo che CGIL, CISL e i loro portavoce hanno: “sempre e fecondamente sostenuto la necessità di una più puntuale tutela dei diritti personali e professionali dei dipendenti, ribadendo le numerose carenze di tipo organizzativo, della RTS e le lacune di alcuni ODS per la quale attendono di confrontarsi (scusate ma quanto devono aspettare i colleghi?), non sottacendo la necessità di un riequilibrio della sicurezza, della nomina di un nuovo RLS e della RSU tutta”.

 Ma allora i nostri colleghi di Catanzaro e di Crotone qualche problemino lo lamentano…?!

 Ancora alcune piccole ma importanti precisazioni, senza voler ledere le intelligenze di nessuna classe lavoratrice di alto o basso profilo che sia, lasciatecele fare:

  • Come Mai nonostante le Loro denunce, assemblee, richieste  di incontro e quant’altro si lamentano  ancora le stesse problematiche? Possibile che nessuno li ascolti?

  • Come Mai nessuno ha provveduto all’attuazione della norma che così riporta: “In tutti i casi in cui la RSU decade prima del compimento del triennio di vigenza, la rielezione deve avvenire entro i 50 giorni successivi alla decadenza……..” a far ricostituire la nuova RSU con il  relativo Rappresentante per la sicurezza, soprattutto quando Loro stessi lamentano criticità in tema di sicurezza?

  • Come mai Noi siamo perniciosi nel cercare di risolvere i problemi di “pochi” colleghi mentre Loro intervengono su una questione nonostante nessuno gli abbia chiesto nulla? …Vabbè, uno sicuramente sì!

 Ultima cosa Cari portavoce Locali, mentre Voi lottavate strenuamente e fecondamente per i nostri colleghi, l’UGL-Intesa o UGL (decidetevi almeno su questo), non era né latitante né disinteressata, ma più semplicemente NON era rappresentativa, per cui NOI non potevamo chiedere le assemblee, non potevamo fare volantinaggi, non potevamo affiggere nulla in bacheca…attività queste che le norme contrattuali individuano come “prerogative sindacali”.

Le stesse prerogative che Voi avete avuto costantemente a disposizione per Tutelare i colleghi, pochi o tanti non importa. Certo visti i risultati, forse……

 Per quanto attiene la militanza in altre OO.SS. dei nostri nuovi Dirigenti sindacali e non solo, bè, che dire?

Errare humanum est,  perseverare autem diabolicum

Walter Marusic

Coordinatore Nazionale MEF

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: