RTS Trento: Sicurezza ambientale e quota 20 % Fua 2012!

200501051527230_computertechno

 

 

Vista la pesante situazione che investe la sicurezza dei colleghi della sede della RTS di Trento e non solo, (infiltrazioni continue e nel garage; mancanza del  prescritto certificato di prevenzione antincendio; mancanza di un piano di evacuazione coordinato tra le varie Amministrazioni presenti nel palazzo e consequenziale difficoltà sia di operatività da parte di eventuali mezzi di soccorso, sia uno scorretto e poco funzionale utilizzo della scala comune; difficoltà di uscita per gli utenti della Commissione Medica di verifica in caso di evacuazione; ecc. ecc.), la prima parte dell’incontro è stata dedicata alla conoscenza dello stato dell’arte su quanto l’Amministrazione ha messo, o dovrà mettere in campo in proposito.

I punti salienti di questo confronto possono essere così sintetizzati :

 –                In ottemperanza alla richiesta dei Vigili del Fuoco si provvederà, nel rispetto della normativa, a predisporre e ad eseguire eventuali lavori (da parte del Provveditorato delle Opere Pubbliche), per il  rilascio del prescritto certificato di prevenzione antincendio.

–                È stata già predisposta gara per la sostituzione del gruppo frigo e delle porte del giro scala per adeguarle alla normativa antincendio.

Eventuali economie sul prezzo di aggiudicazione saranno  utilizzate per altre priorità manutentive.

–                A breve verranno sistemate le porte del garage ed eseguiti altri lavori necessari. Verrà predisposta una ispezione degli ascendenti, al fine di eliminare le continue infiltrazioni  presenti nel garage.

L’Amministrazione ha riferito che l’obiettivo è quello di rendere indipendenti i civici 13/15 sia dal punto di vista manutentivo che degli impianti, regolamentando l’utilizzo della scala comune quale via di fuga, sempre nell’ottica di ridurre i consumi e le spese.

Dal confronto è emerso che nonostante la difficoltà nel coordinare i diversi uffici è necessario trovare in  tempi brevi una soluzione, ed è in questo senso che verte l’impegno di tutti presenti.

Infine sulla razionalizzazione degli spazi in uso alla RTS, la RSU, con la condivisione dei presenti, ha sottolineato l’importanza del benessere dei lavoratori e il rispetto della normativa che disciplina gli spazi per i lavoratori.

Per quanto riguarda la quota del 20% FUA, la discussione è proceduta scorrevolmente non trovando nessuno in disaccordo sul riparto che ricalca gli stessi parametri applicati dalla contrattazione nazionale alla quota del 80%.  

                                                               AREA  III  F4 – F6         150

                                                               AREA   III F1 –F3          145

                                                               AREA    II                       125

                                                               AREA    I                        100

Non appena verranno stanziati i fondi, l’Amministrazione provvederà ad allegare al suddetto accordo la relazione tecnico-finanziaria e ad inoltrare il tutto ai preposti uffici di controllo.

Ricordiamo che quest’anno il pagamento del 20% FUA avverrà una volta ultimato l’iter di certificazione dei singoli accordi senza dover aspettare  la totalità degli accordi delle altre sedi.

 

Vi terremo informati sullo stato dell’opera man mano che avremo notizie utili.

 

 

 

Belvisi Caterina Irene Maria

Segretario Regionale Coordinamento MEF – Milano

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: